EN  
  IT  

Barre autoperforanti Prove di carico


Le prove di carico sugli ancoraggi si distinguono in due categorie:

  • Prove di progetto su ancoraggi preliminari (par. 6.6.4.1 NTC 2018): vengono eseguite su ancoraggi di prova sottoposti a sollecitazioni più severe di quelle di verifica e non utilizzabili per l’impiego successivo; l’esecuzione di queste prove rende vantaggiosa la progettazione, in quanto possono essere applicati dei fattori parziali “premianti” per la determinazione della resistenza caratteristica, in funzione del numero di prove eseguite (Tab. 6.6.2 NTC 2018).
  • Prove di collaudo in corso d’opera (par. 6.6.4.2 NTC 2018): a conclusione delle lavorazioni, dopo la maturazione della boiacca cementizia, è previsto il collaudo geotecnico e strutturale dell’ancoraggio tramite specifiche prove di estrazione (pullout). Le prove di carico in corso d’opera devono essere effettuate su tutti gli ancoraggi per controllarne il comportamento sotto le azioni di progetto. La prova consiste nell’applicazione di un ciclo semplice di carico e scarico; in questo ciclo il tirante viene sottoposto ad una forza pari a 1,2 l’azione di progetto utilizzata per le verifiche SLE, verificando che gli allungamenti misurati siano nei limiti previsti e/o compatibili con le misure sugli ancoraggi preliminari di prova.

Per gli ancoraggi passivi è inoltre possibile seguire le indicazioni riportate nella norma UNI EN 14490:2010 al paragrafo 9.3. In particolare la Tabella 2 specifica il numero minimo e consigliato di prove da eseguire in funzione della categoria di rischio e l’Allegato C riporta una descrizione completa dei metodi di prova.